Friuli: il mattone ritorna a vivere

soldi per investire

L’anno 2017, aveva segnato un brutto crollo e rallentamento per quanto riguarda i settori legati al mattone, ovvero l’edilizia e la vendita immobiliare.

Sempre meno le persone che decidono di mettere su casa. D’altronde se il lavoro è sempre meno ed i soldi anche non si può pretendere che le persone decidano di compiere un passo cosi grande.

L’anno 2018, invece, aveva già fatto presagire un inversione di marcia e aveva fatto capire che qualcosa si stava muovendo verso un periodo migliore sotto molti punti di vista.

L’inizio del 2019 ha portato poi una ventata positiva in questo settore economico dando cosi una nuova speranza.

Il Friuli Occidentale, soprattutto, sta dando ottimi risultati in questo senso.

Nel 2018 si sono contate ben 4325 compravendite tra privati contro le sole 2957 del 2017.

Un dato che già fa capire come il mercato immobiliare sia davvero in costante e progressiva ripresa.

Sempre di più le persone che decidono di optare per l’acquisto invece che l’affitto.

Sicuramente le diverse norme ed agevolazioni entrate in questo campo hanno portato una maggiore sicurezza e voglia di provarci.

Avere una casa di proprietà, al giorno d’oggi, è un desiderio che molti hanno ed è ben comprensibile il perché.

Anche l’inizio del 2019 è stato molto positivo e la regione si è detta speranzosa nel finirlo in gran bellezza.

Noi ovviamente non possiamo che sperarlo e visto i numeri siamo anche più che convinti che il mercato immobiliare riuscirà ad uscire dal periodo buio degli ultimi anni.

Case, appartamenti, ville. La casa è segno di famiglia e quindi bisogna supportarla al 100%.

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *