Avete messo la Germania come vostra prossima destinazione vacanziera, perché avete capito e scoperto che Berlino e altre città tedesche sono delle vere e proprie capitali europee del turismo sessuale? Avete sicuramente fatto una buona scelta ma… prima di partire è pur sempre necessario fare qualche breve ragionamento su quel che potreste aspettarvi una volta arrivati a destinazione, al fine di non compiere dei passi falsi che potrebbero crearvi qualche grattacapo.

Innanzitutto, ricordiamo che in Germania i “bordelli” come i rinomati FKK Berlino e la prostituzione sono legali, giuridicamente riconosciuti e fiscalmente tassati. Tuttavia, non in tutti i Land le regole funzionano allo stesso modo! In particolare, Berlino è l’unico Land tedesco in cui la prostituzione è legale in quasi tutte le strade, mentre nel resto del territorio tedesco la prostituzione è generalmente consentita solamente in alcune zone dedicate.

turismo erotico in germaniaDunque, se volete frequentare una meta del turismo sessuale sicuramente più evoluta, dedicata e variegata, Berlino non può che rappresentare la vostra scelta, anche se pure altrove non mancheranno le soddisfazioni. Soffermandoci però su Berlino, qui il tradizionale distretto a luci rosse è la zona intorno a Stuttgarter Platz, in Charlottenburg.

In alcuni luoghi, come il quartiere di Mitte, le prostitute indossano una sorta di “divisa”, un completo in latex bianco e stivali dal tacco a spillo che lasciano ben poco spazio alla “confusione”, e che permettono ai potenziali clienti di rivolgersi loro a colpo sicuro. Se invece avete in mente di recarvi in luoghi meno “raffinati”, potete rivolgere il vostro sguardo altrove, e soprattutto nei quartieri più periferici.

E se il marciapiede proprio non vi attira? Nessun problema: ci sono migliaia di locali del “sesso” in Germania, chiamati “FKK” (acronimo di Freikörperkultur, ovvero “cultura del corpo libero”). Si tratta di aree riservate e discrete, generalmente attrezzate con piscine, sauna e zone relax. Si paga il prezzo del biglietto per poter usufruire dei servizi qui presenti, mentre per quanto concerne la prestazione delle prostitute, si dovrà concordare direttamente con loro cosa fare, e a che prezzo.

Non mancano poi le idee di marketing evidentemente di alterno successo. Nota è in tal senso la decisione di alcuni bordelli di istituire una flat rate, ovvero un costo fisso per potersi divertire quante volte si vuole, e per quanto tempo. In alternativa, alcuni bordelli propongono degli sconti anche piuttosto sostanziosi per chi usufruisce dei loro locali nelle giornate meno movimentate: un’idea promozionale per poter rilanciare l’appeal di questi spazi soprattutto nelle prime parti della settimana, quando il ricorso a certe prestazioni è sicuramente meno diffuso.

Insomma, come risulta ben evidente dal breve approfondimento che oggi abbiamo avuto il piacere di formulare in relazione al turismo sessuale in Germania, le opportunità sono davvero numerose, e tutto dipenderà da ciò che volete e potete fare. Fate solo attenzione a informarvi correttamente prima della partenza, al fine di non correre il rischio di incappare in sgradite sorprese, o far in modo che le proprie aspettative vengano drasticamente deluse dalla realtà.

Sharing is caring!