Gli incendi sono una calamità particolarmente pericolosa, soprattutto quando divampano all’interno di strutture aperte al pubblico, o anche negli edifici che ospitano attività industriali.

Per questo motivo le leggi europee, a cui quelle italiane si stanno adeguando nel corso degli anni, prescrivono anche la tipologia e l’entità delle dotazioni antincendio che devono essere presenti all’interno di qualsiasi tipologia di locale.

Quali dotazioni

dotazioni antincendioIn Italia nelle abitazioni civili non è obbligatorio avere a disposizione dotazioni antincendio, anche se alcune di esse possono essere particolarmente utili. Si tratta però si oggetti che ogni cittadino, in autonomia, può decidere di acquistare, in caso contrario non è soggetto a multe o controlli.

Sono invece normate le dotazioni che ogni azienda ed ente pubblico deve possedere. In particolare alcune categorie di attività sono obbligate ad avere un certo tipo di dotazione a seconda del rischio di incendio in cui incorrono. Tale rischio è calcolato a seconda delle dimensioni dell’edificio in cui l’attività si svolge, del numero di addetti impiegati, dell’utilizzo di materiali infiammabili, vernici, combustibili e così via.

Prima di valutare quale tipo di dotazione deve avere, il responsabile di una qualsiasi azienda o attività dovrà comprendere a quelle tipo di rischio la sua attività è soggetta.

Come acquistarle

Le dotazioni di sicurezza da utilizzare nelle attività italiane sono di diverse nature. Si parte da un certo tipo di impianti, che vanno realizzati in fase di costruzione dell’edificio che ospiterà l’attività. In alcuni casi tali impianti devono essere presenti anche negli edifici di vecchia costruzione o in quelli ristrutturati.

Risulta quindi di fondamentale importante attivarsi per contattare un professionista in grado di progettare e porre in opera tali impianti, ad esempio i collaboratori dell’azienda EuroFireAntincendio.com. Per adeguare un edificio alle vigenti norme antincendio è obbligatorio anche dotarlo di alcuni accessori, come ad esempio estintori, manichette per l’acqua, idranti, porte antifuoco.

Questo materiale non solo deve essere presente in un preciso numero all’interno della struttura, ma deve anche essere posizionato in modo corretto, per poterlo sfruttare nel caso in cui scoppiasse un incendio.

La manutenzione

Le dotazioni antincendio disponibili all’interno di un’attività non solo devono essere in un certo numero, ma devono subire anche controlli periodici. In particolare gli estintori e le manichette antincendio devono essere costantemente in perfetto stato, per evitare che non funzionino nel momento del bisogno.

Tale controllo e la revisione devono essere effettuati da personale abilitato.