Trieste: intensa le attività nel fine settimana da parte delle Volanti

attività nel fine settimana da parte della Squadra Volante

La Polizia di Stato ha denunciato per danneggiamento aggravato e oltraggio a pubblico ufficiale un cittadino albanese, S.M., nato nel 1980 e residente in città.

Sabato pomeriggio si è recato in un bar di via San Marco e, durante la consumazione delle bevande, ha iniziato a importunare la banconiera. Rifiutate le sue avances, ha iniziato a insultarla e l’ha aggredita. In suo aiuto un’amica, dapprima insultata e poi colpita con pugni e schiaffi.

Con l’aiuto di un avventore, l’uomo, palesemente ubriaco, è stato fatto uscire a fatica dal locale e la banconiera si è rinchiusa all’interno e ha telefonato al 112. Questi, però, ha infranto la porta a vetri del bar ed è entrato ferendosi all’avanbraccio destro.

Gli agenti della Squadra Volante intervenuti hanno notato le donne e l’uomo ricoperti di sangue, vetri a terra e macchie di sangue a terra e sul mobilio del bar.

Dapprima collaborativo e in attesa dei sanitari del 118, ha cercato di scagliarsi contro le donne, i presenti e gli agenti offendendoli e oltraggiandoli.

L’amica della donna e l’albanese sono stati accompagnati all’ospedale di Cattinara.

Denunciato ieri mattina anche un brindisino, S.B., nato nel 1982, ospite non più gradito di un uomo in un appartamento nel rione di San Sabba. Gli agenti della Volante lo hanno identificato e sono stati oltraggiati.

Ieri pomeriggio, inoltre, la Polizia di Stato ha denunciato per lesioni un triestino, L.C., nato nel 1970. Infastidito dal vocio del vicino e dei suoi ospiti presenti nel cortile di una casa di via dei Giaggioli, ha dapprima bagnato con una pompa d’acqua le loro autovetture e poi le persone. Invitato a desistere, ha continuato e il vicino ha cercato di scavalcare la recinzione di confine tra le due proprietà per prendere la pompa, ma si è visto puntare verso il basso un forcone.

Ne è scaturita una collutazione e L.C. ha colpito il vicino con l’arnese agricolo arrecandogli graffi e abrasioni all’addome, al torace, al volto e alle mani. I presenti hanno, quindi, tranquillizzato i due.

Infine è stata denunciata nella notte per danneggiamento, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale una triestina, N.M., nata nel 1993. In palese stato di alterazione alcolica (motivo per il quale è stata anche sanzionata amministrativamente) ha infranto il vetro della porta dell’officina di un suo conoscente in via dell’Università, nel cui locali l’uomo aveva ospitato temporaneamente il di lei cane in attesa che la stessa si ristabilisse. Gli operatori della Volante sono stati insultati e oltraggiati anche in Questura. Sanitari del 118 l’hanno portata all’ospedale di Cattinara.

Fonte: Questura di Trieste

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *