Trieste, Il restauro del sarcofago egizio di Pa-di-Amon

Sarà pubblicamente presentato, sabato 27 aprile, alle ore 11.30, al Civico Museo d’Antichità “J.J. Winckelmann” di piazza della Cattedrale, con uno speciale “incontro di restituzione”, l’antico sarcofago egizio del Museo appena restaurato.
Alle ore 17.00 e con ingresso da via della Cattedrale 15, nell’ambito degli “Incontri di Archeologia 2019” si terrà, una conferenza dal titolo “Il restauro del sarcofago egizio di Pa-di-Amon” con il restauratore Gian Luigi Nicola.

Il lavoro di restauro ha avuto caratteristiche soprattutto conservative, di pulitura e di presentazione estetica, riducendo al minimo l’impatto degli interventi ottocenteschi, subiti soprattutto dal coperchio del sarcofago. Sono state effettuate alcune indagini diagnostiche, per verificare lo stato interno del legno e quindi, dopo il consolidamento preventivo delle parti di decorazione originale, è seguita la pulitura e l’integrazione delle lacune minori. Queste operazioni hanno permesso il recupero cromatico con conseguente aumento della leggibilità delle decorazioni originali che erano fino ad ora appena intuibili o totalmente nascoste.
Il risultato è che le sei scene rituali dipinte sui lati della cassa sono ora riconoscibili senza difficoltà, rievocando esse la Creazione del Mondo, l’adorazione della barca solare, della tomba e della montagna sacra e, ancora, la scena del Tribunale, nella sala della Verità, in cui il defunto doveva giurare la propria innocenza che veniva valutata sulla bilancia davanti al dio Osiride. Infine ha ripreso vita anche la raffigurazione della dea dipinta all’interno della cassa, sul fondo, con il vestito ricoperto dalla reticella magica di protezione.

Il sarcofago, del sacerdote del dio Khonsu di nome Pa-Di-Amon, oggi conservato al centro della grande Sala Egizia del Civico Museo d’Antichità “J.J. Winckelmann”, è inseribile nella produzione tebana della XXI dinastia (1070-945 a.C.).

Ingresso libero fino a esaurimento dei 60 posti a sedere.

Fonte: Comune di Trieste

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *